LA MUSICA AMERICANA? HA RADICI ANCHE ITALIANE

doniUna ricerca dell'etnomusicologa Giuliana Fugazzotto rivela le origini italiche di gran parte della produzione discografica statunitense del Primo trentennio del Novecento

LA MUSICA AMERICANA? HA RADICI ANCHE ITALIANE
 

Prodotto dalla Biblioteca di Sardegna, lo studio sarà presentato oggi all'Istituto Italiano di Cultura di Chicago


COMUNICATO STAMPA-In America si cantava italiano. Un archivio e un libro scoprono i gusti musicali del Primo Novecento statunitense e rivelano una sorprendente verità: la musica popolare americana è in gran parte opera di emigrati italiani che nel primo trentennio del secolo scorso produssero oltreoceano circa 7500 documenti sonori tra genere operistico, canzone napoletana, musica da ballo e altre varietà strumentali.


A firmare lo studio è la ricercatrice Giuliana Fugazzotto, titolare di un archivio storico di dischi a 78 giri su tema dell'emigrazione tra i più autorevoli e preziosi al mondo con oltre 5 mila pezzi, recentemente digitalizzato e reso fruibile al pubblico in un ponderoso progetto di recupero di materiale sonoro finanziato dalla Comunità Europea. Una collezione al centro di un'indagine etnomusicologica di portata mondiale confluita in un volume-reportage dal titolo "Ethnic Italian Records" (Editoriale Documenta, 2015) prodotto dalla Biblioteca di Sardegna che lo presenterà oggi presso l'Istituto Italiano di Cultura di Chicago.

Lo studio delinea per la prima volta le preferenze musicali, le tendenze stilistiche e le problematiche socioculturali della comunità italo-americana nel Primo Novecento, documentando il processo di contaminazione e fusione dei repertori tradizionali nostrani a contatto con la cultura a stelle e strisce, attraverso lo studio, la catalogazione, l'analisi e la digitalizzazione di un corpus di migliaia di fonti. Testimonianze spesso misconosciute, se non ignorate, che costituiscono tuttavia uno straordinario patrimonio di valenza non solo musicale, ma anche sociale ed etnografica.

Spiega l'autrice della ricerca: «Questi documenti sonori sono lo specchio della vita degli emigrati italiani negli States e ci raccontano come affrontarono le difficoltà di inserimento nel nuovo mondo, dei conflitti che nacquero all’interno delle famiglie con le nuove generazioni di italo-americani, dei problemi politici in cui si trovarono coinvolti, delle diverse comunità di immigrati con cui dovettero confrontarsi, fino ai nostalgici ricordi della terra d’origine e al desiderio di ritornare in patria».

Un fenomeno di carattere storico ma dalle forti implicazioni attuali perché espressione di un processo migratorio verso gli States che, fra il 1890 e il 1930, negli anni dello sviluppo dell'industria musicale, riguardò circa 5 milioni di italiani. Fra essi soprattutto campani, siciliani, abruzzesi, lucani e calabresi e, in misura minore, anche piemontesi, toscani, lombardi e veneti. Tra cui molti lavoratori e appassionati cultori delle arti sceniche e musicali che oltreoceano trovarono la loro America. Come il nonno dell'autrice, Antonio Fugazzotto, di Barcellona Pozzo di Gotto, emigrato dalla Sicilia a New York nei primi anni del Novecento, dalla cui passione collezionistica questo archivio è nato.

doni_2

 

 
 

rssfeed
Email Drucken Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
1 DOW 20,996.12
+232.23 (1.12%)    
2 MIB €20.46
+0.11 (0.57%)    
3 NASDAQ 6,025.49
+41.67 (0.70%)    

Leggi commenti

  • Your blog information is nice and friendly. This post is very helpful ... leggi...
  • Really a nice content i am going to bookmark your site thanks Domino Q... leggi...
  • Pretty! This was a really wonderful article. Thanks for providing this... leggi...
  • TҺe March 11, 2001 assessment was actually Stair to Paradise (A Matter... leggi...