MUSICA/MET OPERA: Una magnifica Anna Netrebko trascina il cast dell'Elisir d'amore di Donizzetti

elisir_2MUSICA/MET OPERA: Una magnifica Anna Netrebko  trascina il cast dell'Elisir d'amore di Donizzetti

NEW YORK- Poter assistere alla rappresentazione dell’opera Elisir D’amore deve essere sempre considerate un privilegio, perché capace di raccontare le sfaccettature dell’amore con leggerezza e fine ironia.

La versione di Bartlett Sher proposta questa stagione al Metropolitan è un lavoro di rara bellezza, che premia il lavoro di tutto il cast lirico, così come della scenografia pensata da Michael Yeargan. Ed è infatti proprio questo gioco di profondità creato grazie all’uso sapiento di un velo sul palco a lasciare incantati gli spettatori. Ottimo l’allestimento di entrambi gli atti dell’opera di Gaetano Donizzetti su libretto di Felice Romani. A dirigire le bellessime musiche, molte delle quali sono entrate a far parte del cosiddetto repertorio lirico (come ad esempio la Romanza e una Furtiva Lagrima), il direttore d’orchestra, Maurizio Benini, originario di Faenza, che ha debuttato con quest’opera nel 1998. Adina e Nemorina, i protagonisti di quella che è considerata uno degli esempi più alti dell’Opera comica ottocentesca, sono rappresentati rispettavamente da Anna Netrebko, voce nota ai frequentatori del Met, in quanto fece il suo debutto nei panni di Natasha in War and Peace 12 anni fa, nel 2002, e dal tenore italiano Salvatore Cordella, originario di Copertino. La performance di Netrebko è stata straordinaria; il ruolo di Adina sembra veramente esser stato creato pensando a una donna come lei, perfetta nella voce, ma anche nella parte più strettamente recitativa.

elisir_1Chi non è sicuramente passato inosservato al pubblico in sala è inoltre Dulcamara, rappresentato da Erwin Schrott. Parlando di lui, il New York Times ha infatti detto che la sua esibizione è stata capace di rubare tutte le scene in cui era presente. Lo stile del personaggio, farabutto, ma allo stesso tempo molto comico, rivisitato in chiave moderna, ricorda da vicino quello di Jack Sparrow, il pirata impersonificato da Jhonny Depp nel film che ha sbancato le sale cinematografiche “I Pirati dei Caraibi”. La prima rappresentazione dell’Elisir D’amore è avvenuta più di 150 anni fa, a Milano nel 1832 nel teatro alla Canobbiana. Un’opera perfetta se si pensa, tra l’altro, che Donizetti ebbe soltanto due settimane per metterla a punto. Il debutto al Met risale invece al 1904 ed è passata alla storia della lirica mondiale soprattutto per la leggendaria performance di Enrico Caruso nei panni di Nemorino. Caruso cantò quella parte al Met per ben 32 volte. “Ogni volta che vengo in questo teatro vado sempre a vedere durante la pausa la foto di Caruso, è un tenore che ha reso grande la nostra terra, un personaggio straordinario- ha raccontato un’insegnante di lirica di origini italiane, seduta in quinta fila inisieme a due alunne- Quello dell’elisir d’amore è davvero un capolavoro che io considero un must per tutti quelli che si vogliono avvicinare al mondo dell’opera lirica. ”

Per maggiori informazioni sugli aspettacoli del met visitate la pagina www.metoperafamily.org

elisir_3


rssfeed
Email Drucken Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
1 DOW 20,937.91
+43.08 (0.21%)    
2 MIB €21.30
-0.02 (-0.09%)    
3 NASDAQ 6,138.71
+5.09 (0.08%)    

Leggi commenti

  • Offerta di prestito denaro tra privato subito entra 24 ore Ciao Siete ... leggi...
  • I've been browsing on-line greater than three hours these days, but I ... leggi...
  • gmail account new gmail account: loginassist.org/ (https://loginassist... leggi...
  • For some reason in case you ever desire to stop making use of this plu... leggi...